Memorie storiche civili, ed ecclesiastiche della città, e diocesi di Larino/Libro V/Petrono

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro V
XXXII
Petrono

../Farolso ../Fr. Angelo IncludiIntestazione 9 aprile 2009 75% Storia

Libro V - Farolso Libro V - Fr. Angelo

XXXII. Petrono, o Patrono . In Sala del Vescovado, niente si ha di questo Prelato. Ne parla Ughellio, il quale vuole, che vivesse sotto Onorio IV. che fu assonto al Pontificato l’anno 1285. e Io tenne due anni, e come ivi si legge, il medesimo si soscrisse all’ Indulgenze concedute alla Chiesa de’ Carmelitani di Siena, siccome in que’ tempi era uso, concedendo i Vescovi radunati per le Consagrazioni delle Chiese , le Indulgenze insieme, e ognuno per la sua parte, come in diversi monumenti si fa menzione di questa disciplina : dice inoltre Ughellio: Temporibus vero Nicolai IV. suis exigentibus culpis ab Ecclesiae administratione submotus est, anno scilicet 1391. post ejus amotionem Saba Militensis Ecclesiae Episcopus, cum diu a sua Ecclesia exulasset, ejus miseriae conpassus Episcopus Cardinalis Praenestinus Apostolicae Sedis in Regno Neapolitano , Legatus, eum Ecclesiae Larinae in locum Patroni administratorem constituit ideoque Nicolaus IV. qnno 1391. suo diplomate confirmavit, ex Reg. Vat. ep. 472. fol. 92. tandem ad Ecclesiam suam reversus, Larinam vacuam reliquit ; Patronus vero sub Bonifa cio VIII, ab administratione suspensus obiit.
Vuole dunque Ughellio, che Patrono suis exigentibus culpis fuit submotus dall’amministrazione della sua Chiesa da Nicolo IV. e che ne fu data l’amministrazione a Saba , che si ritrovava da molto tempo esule dalla sua Chiesa di Mileto in Calabria, e che la suddetta amministrazione sia stata data de Berardo, da altri detto Bernardo, Vescovo di Palestina, in quel tempo Legato del Papa in Regno, confermato da NicoloIV. nell’anno 1291. e che Patrono sospeso ancora se ne morì sotto Bonifacio VIII, è certo però, che tardi si fa Saba amministratore di questa Chiesa di Larino : perché lo vediamo chiaro assai prima in una provisione Regia, spedita a sua istanza, e del Capitolo Larinese, contro i Cittadini di S. Martino, Terra di questa Diocesi , per alcuni interessi di Ururi, fatta nel prim’anno de’ Regni di Carlo II. d’Angiò, cioè nel 1284. come in essa, e sue note, distesa nel lib. 4. cap.1. n.11. Quindi deve dirsi che Patrono, non fu sospeso dall’Amministrazione della sua Chiesa da Nicolo IV. ma piuttosto da Martino IV. il quale governava la S. Chiesa universale in d. an. 1284. e possiamo ben supporre,c he dopo Martino IV. lo confermasse in questa amministrazione Onorio IV. Nicolo. IV. CelestinoV. e anche Bonifacio VIII, osservando, che lo stesso Saba amministrava nell’ anno 1297. e l’abbiamo in un Istrumento di restrizione del numero de’ Canonici del Capitolo Larinese, fatto in detto anno, che si riporta nel lib.3. cap.7. n. 13. e possiamo ben dire , che frattanto, o poco dopo morisse Patrono, e gli succedesse Angelo , come appresso, e che Saba ritornasse alla sua Chiesa di Mileto ; e in questi termini deve intendersi lo scritto da Ughellio, intorno alla Persona di Saba, sopra la sua vita, di cui parla nella Cronologia de’ Vescovi di Mileto.