Milione/186

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Capitolo 186
Dell'isola di Madegascar

../185 ../187 IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Saggi

Capitolo 186
Dell'isola di Madegascar
185 187


Mandegascar si è una isola verso mezzodí, di lungi da Scara intorno da 1.000 miglia. Questi sono saracini ch’adorano Malcometo; questi ànno 4 vescovi - cio(è) 4 vecchi uomini -, ch’ànno la signoria di tutta l’isola. E sapiate che questa è la migliore isola e la magiore di tutto il mondo, ché si dice ch’ella gira 4.000 miglia. È vivono di mercatantia e d’arti. Qui nasce piú leofanti che in parte del mondo; e per tutto l’altro mondo non si vende né compera tanti denti di leofanti quanto in questa isola ed in quella di Zaghibar. E sapiate che in questa isola non si mangia altra carne che di camelli, e mangiavisene tanti che non si potrebbe credere; e dicono che questa carne di camelli è la piú sana carne e la migliore che sia al mondo.

Qui si à grandissimi àlbori di sandali rossi, ed ànnone grandi boschi. Qui si à ambra assai, perciò che in quello mare àe assai balene e capodoglie; e perché pigliano assai di queste balene e di queste capodoglie si ànno ambre assai. Elli ànno leoni e tutte bestie da prendere in caccia, e uccelli molti divisati da’ nostri. Qui vengono molti navi, e recano e portano molta mercatantia.

E sí vi dico che le navi non possono andare piú verso mezzodie che infino a questa isola ed a Zanghibar, perciò che ’l mare corre sí forte verso il mezzodí, ch’a pena si ne potrebbe tornare. E sí vi dico che le navi che vengono da Mabar a questa isola, vengono in 20 dí, e quando elle retornano a Mabar, penano a ritornare 3 mesi; e questo è per lo mare che corre cosí forte verso il mezzodí.

Ancora sappiate che quelle isole che sono cotanto verso il mezzodí, le navi non vi vanno voluntieri per l’acqua che corre cosí forte. Dicomi certi mercatanti che vi sono iti, che v’à uccelli grifoni, e questi uccelli apaiono certa parte dell’anno, ma non sono cosí fatti come si dice di qua, cioè mezzo uccello e mezzo lione, ma sono fatti come aguglie, e sono grandi com’io vi dirò. Egli pigliano l’alifante e pòrtallo su in aire, e poscia il lasciano cadere, e quelli si disfa tutto, poscia si pasce sopra lui. Ancora dicono quelli che l’ànno veduti, che l’alie sue sono sí grandi che cuoprono 20 passi, e le penne sono lunghe 12 passi, e sono grosse come si conviene a quella lunghezza. Quello ch’io n’ò veduto di questi uccelli, io il vi dirò in altro luogo.

Lo Grande Kane vi mandò messaggi per sapere di que]le cose di quell’isola, e preserne uno, sicché vi rimandò ancora messaggi per fare lasciare quello. Questi messaggi recarono al Grande Kane uno dente di porco salvatico che pesòe 14 libbre.
Elli ànno sí divisate bestie e uccelli ch’è una maraviglia. Quelli di quella isola sí chiamano quello uccello ruc, ma per la grandezza sua noi crediamo che sia grifone.

Or ci partiamo di questa isola, ed andamo i(n) Zaghimbar.