Novellette ed esempi morali (Bernardino da Siena)/La tentazione di S. Bernardino

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La tentazione di S. Bernardino

../L'asino delle tre ville ../Una pace a Crema IncludiIntestazione 1 dicembre 2016 100% Da definire

L'asino delle tre ville Una pace a Crema
[p. 48 modifica]

LA TENTAZIONE DI S. BERNARDINO


Vôvi dire il primo miracolo ch’io facesse mai, e fu innanzi ch’io fussi frate...

Elli mi venne una volontà di volere vivare come uno angelo, non dico come un uomo. — Deh, state a udire, che Iddio vi benedica! — Elli mi venne uno pensiero di volere vivare d’acqua e d’erbe, e pensai di andarmi a stare in uno bosco, e cominciai a dire da me medesimo: “Che farai tu in un bosco? Che mangerai tu?” Respondevo cosí da me e me, e dicevo: “Bene sta, come facevano e’ santi padri: io mangiarò dell’erba quando io avrò fame; e quando avrò sete, berò dell’acqua.” E cosí deliberai di fare; e per vivare sicondo Iddio, deliberai anco di comparare una Bibbia per lègiare e una schiavina per tenere indosso. E comparai la Bibbia, e andai per comparare uno quoio di camoza, perché non passasse l’acqua dallato dentro, perché non si mollasse la Bibbia. E col mio pensiero andava cercando dove io mi potesse appollaiare, e [p. 49 modifica]deliberâmi d’andare vedendo in sino a Massa; e quando io era per la valle di Bocheggiano, io andavo mirando quando su questo poggio quando su quell’altro; quando in questa selva, quando in quell’altra; e andavo dicendo da me e me: “Oh, qui sarà il buon essere! Oh, qua sarà anco migliore!” In conclusione, non andando dietro a ogni cosa, io tornai a Siena e deliberai di cominciare a provare la vita che volevo tenere. E andâmi costà fuore dalla Porta a Follonica, e incominciai a cogliere una insalata di cicerbite e altre erbuccie, e non avevo né pane né sale né olio; e dissi: “Cominciamo per la prima volta a raschiarla, e poi l’altra volta e noi faremo solamente a raschiarla senza lavarla altromenti; e quando ne saremo piú usi, e noi faremo senza nettarla, e dipoi poi e noi faremo senza cògliarla.” E col nome di Jesu benedetto cominciai con uno boccone di cicerbita, e messamela in bocca cominciai a masticarla. Mastica, mastica, ella non poteva andare giú. Non potendola gollare, io dissi: “Oltre; cominciamo a bere uno sorso d’acqua.” Mieffe! l’acqua se n’andava giú, e la cicerbita rimaneva in bocca. In tutto, io bebbi parecchi sorsi d’acqua con un boccone di cicerbita, e non la potei gollare. Sai che ti voglio dire? Con un boccone di cicerbita io levai via ogni tentazione; ché certamente io cognosco che quella era tentazione. Questa che è seguitata poi, è stata elezione, non tentazione. Oh, quanto si vuole bilanciare, prima che altri seguiti quelle volontà che talvolta riescono molto cattive, e paiono cotanto buone!