Odi (Parini)/La recita de' versi

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La recita de' versi

../La musica ../La tempesta IncludiIntestazione 11 luglio 2013 75% Odi

La musica La tempesta

 
Qual fra le mense loco
Versi otterranno, che da nobil vena
Scendano; e all’acre foco
Dell’arte imponga la sottil Camena,
Meditante lavoro, 5
Che sia di nostra età pregio e decoro?

Non odi alto di voci
I convitati sollevar tumulto,
Che i Centauri feroci
Fa rammentar, quando con empio insulto 10
All’ospite di liti
Sparsero e guerra i nuzïali riti?

V’ha chi al negato Scaldi
Con gli abeti di Cesare veleggia;
E la vast’onda e i saldi 15
Muri sprezzati, già nel cor saccheggia
De’ Batavi mercanti
Le molto di tesoro arche pesanti.

A Giove altri l’armata
Destra di fulmin spoglia; ed altri a volo 20
Sopra l’aria domata
Osa portar novelle genti al polo.
Tal sedendo confida
Ciascuno; e sua ragion fa delle grida.

Vincere il suon discorde 25
Speri colui che di clamor le folli
Mènadi, allor che lorde
Di mosto il viso balzan per li colli,
Vince; e, con alta fronte,
Gonfia d’audace verso inezie conte. 30

O gran silenzio intorno
A sè vanti compor Fauno procace,
Se del pudore a scorno
Annunzia carme onde ai profani piace;
Da la cui lubric’arte 35
Saggia matrona vergognando parte.

Orecchio ama placato
La musa e mente arguta e cor gentile.
Ed io, se a me fia dato
Ordir mai su la cetra opra non vile, 40
Non toccherò già corda
Ove la turba di sue ciance assorda.

Ben de’ numeri miei
Giudice chiedo il buon cantor, che destro
Volse a pungere i rei 45
Di Tullio i casi; ed or, novo maestro
A far migliori i tempi,
Gli scherzi usa del Frigio e i propri esempj.

O te Paola, che il retto
E il bello atta a sentir formaro i Numi; 50
Te, che il piacer concetto
Mostri dolce intendendo i duo bei lumi,
Onde spira calore
Soavemente periglioso al core.