Odi barbare/Delle Odi Barbare Libro I/Davanti il Castel Vecchio di Verona

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Delle Odi Barbare Libro I
Davanti il Castel Vecchio di Verona

../Sirmione ../Per la morte di Napoleone Eugenio IncludiIntestazione 6 febbraio 2012 100% poesie

Delle Odi Barbare Libro I - Sirmione Delle Odi Barbare Libro I - Per la morte di Napoleone Eugenio
[p. 839 modifica]


DAVANTI

IL CASTEL VECCHIO DI VERONA


Tal mormoravi possente e rapido
sotto i romani ponti, o verde Adige,
brillando dal limpido gorgo,
la tua scorrente canzone al sole,4

quando Odoacre dinanzi a l’impeto
di Teodorico cesse, e tra l’èrulo
eccidio passavan su i carri
diritte e bionde le donne amàle8

entro la bella Verona, odinici
carmi intonando: raccolta al vescovo
intorno, l’italica plebe
sporgea la croce supplice a’ Goti.12

[p. 840 modifica]


Tale da i monti di neve rigidi,
ne la diffusa letizia argentea
del placido verno, o fuggente
infaticato, mormori e vai16

sotto il merlato ponte scaligero,
tra nere moli, tra squallidi alberi,
a i colli sereni, a le torri,
onde abbrunate piangon le insegne20

il ritornante giorno funereo
del primo eletto re da l’Italia
francata: tu, Adige, canti
la tua scorrente canzone al sole.24

Anch’io, bel fiume, canto: e il mio cantico
nel picciol verso raccoglie i secoli,
e il cuore al pensiero balzando
segue la strofe che sorge e trema.28

Ma la mia strofe vanirà torbida
ne gli anni: eterno poeta, o Adige,
tu ancor tra le sparse macerie
di questi colli turriti, quando32

su le rovine de la basilica
di Zeno al sole sibili il còlubro,
ancor canterai nel deserto
i tedi insonni de l’infinito.36