Pagina:'O luciano d"o Rre.djvu/17

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Prefazione 17

dava e va lo stesso in visibilio per Maldacea, quando lo sentiva e lo sente borbottare con la voce tremante:

Tanno, ’e ppezze ’e tenevamo pe niente,
e mo ’e ttenimmo... nfaccia a li cazune!

Le prime quattro strofe di questo mio poemetto, sotto il titolo ’O marenare ’e Santa Lucia, diedero l’ispirazione a Beppino Villani d’interpretarne il tipo. Egli è riuscito a fare opera di arte superba. Truccato da vecchio pescatore luciano, si presenta ai pubblici che lo ammirano; ma poiché in quelle prime quattro strofe non vi è alcuna allusione politica, egli non è stato molestato dalle “Autorità„. Forse, sarebbe stato buttato a marcire in una tetra prigione se non si fosse limitato a quelle o avesse scelto altre strofe più piccanti.