Pagina:AA.VV. - Commedie del Cinquecento, Vol. I, Laterza, 1912.djvu/161

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto quinto 153


Malfatto. Si! Non me aiutate, quando fo alle pugna io.

Mastro Antonio. A son fatigao troppo. Ove domino e’ sé la bretta?

Malfatto. Tirateve su le brache, mastro.

Prudenzio. Nunquam, mai, edepol, me aria imaginato questo.

Ma vanne dentro, tu; e portarne quello ense.

Malfatto. Dove?

Prudenzio. Per la machera.

Malfatto. Misser si, farete molto bene.

Prudenzio. E portarne el clipeo ancora. Oh Luzio!

Luzio. Che volete?

Prudenzio. Portarne el clipeo e la machera nostra.

Luzio. Misser si!

Mastro Antonio. Lagame andar con Dio.

Prudenzio. Te nne vai, ch? vecchio insano, pedicatore, mentuloso, inrumatore pieno di marisce! A questo modo alli uomini stipendiati dal Gimnasio romano, ch? Non curare, predone, depopulatore e turbatore della quiete nostra!

Malfatto. Se nne è fugito, mastro, che ha avuto paura.

Ma avete relevato voi.

Prudenzio. Questa è la retribuzione che ci rendi, ch? adultero, mèco!

Malfatto. Alla fé, mastro, che avete cantato molto bene, questa sera.

Luzio. Ecco qua: tenete.

Prudenzio. Ah scevo uomo! latrina fetida! Te farò vedere se un par tuo, inquilino, agricola, incola et accola, transfuga della patria sua, uso andare famulando e rusticando per li tuguri alieni resarcendo el ventre fetido e exausto, debbia un par nostro, òrto nella cittá romulea, soppeditare, inmemore delli suffragi ricevuti nella nostra mansione.

Malfatto. Che non pigliate quella spada e correteli dereto?

ch’io ve cci voglio lassar andare.

Luzio. Se nne è andato. Non ce è, no, mastro.

Prudenzio. Non si curi! So bene che non ospitare piú in casa nostra.