Pagina:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. II, 1920 – BEIC 1928827.djvu/14

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
8 xxii - ser cecco nuccoli


Ma i giorni e l’ore e notte, ch’i’ho perdute,
dògliomen molto, e biasemo ine stesso;
e pato mille morte via piú spesso,
8che quei, che stanno fra l’ardente Iute.
Ma eli ’è sola una spem, che ci persevra
l’alma nel corpo, inmaginando forse
11ch’Amor di su’ opinion tria molt’e levra.
Né mai per tal camin pássoce ’n forse,
né lascerò l’andar, tanto so’empio:
14in prima s’arfarebbe per me il tempio.
Sonetto fatto in riso e pianto e lutto,
a chi te legge non ti scovrir tutto.

XIV

Ad un amico, che vive nel contado.

Fatto ti se’, Giovagne, contadino,
e mane e sere mange coi bevolche,
e fai zappare e metter forme e solche,
4e bee aceto adacquato per fin vino,
e frasche vai mozzando col falcino;
con trista compagnia ti leve e colche:
onde ti prego che piú non ti folche
8a ritornare al tuo dolce camino.
Saper ti fo novella men, che bona:
el padre e ’l figlio stettero a gran rischio,
11ché ’nvelenate fuòr dal badalischio.
L’uno è scampato, e de ciò si ragiona,
ma sempre porterá nel viso un ríschio;
14per l’altro s’oderan que’triste sona
Vanne, sonetto, davanti a Giovanni,
e di’ che Francischin de biso ha panni.