Pagina:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. II, 1920 – BEIC 1928827.djvu/22

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
16 xxiii - tenzoni di rimatori perugini

onde superbia alquanto s’inchina
per glie gravose colpe recevute,
i qual di giorno in giorno procedut’è,
8poi che licenza concessa fu pina.
Non renderá’ piú trebutario feo
a Tartina cittá né ai sasse orate,
11i qual, disposta signoria, piú reo
dal possente signor son condannate;
santa Giustizia, fa’ sentir lor gusto
14di novi tormenti e anco di combusto.
O alta maiestá tanto benegna,
reai dono dá a Pròsa il confalone,
che regga l’universo col leone.

III

TENZONE TRA ATTAVIANO E NERI MOSCOL1

I — ATTAVIANO
Deride la bruttezza dell’amico.

Espaventacchio mostra el tristo volto:
e gli occhie de la gatta, c’hai si guazze,
e ’l corto naso, che serba doi mazze
4dentro da le toi froge, si m’han tolto
da quel piager, che me fieci esser stolto,
quand’io me ’nnamorai de te, che spazze
tutte le strade quando son piú guazze,
8poi che col guizzo tu fèste raccolto.
Ma s’è egli al veder si reversato,
quello, ch’è sciagurato, tristo e folle,
11per che de te se mostra si ’mpacciato?