Pagina:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. II, 1920 – BEIC 1928827.djvu/23

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

xxiii - tenzoni di rimatori perugini 17

Ché la bocc’hai refessa, e tuttor bolle
si, che par un caldai’male schiumato:
e ’l dur li lasse, e tu ten porte el molle.

2 — NERI
Protesta egualmente tutta la sua dedizione all’ingiuriatore.

Non me pòi spaventar, ch’io son pur vólto
verso de te come germane a guazze:
si, ch’io non temo parole né mazze,
4che da volerte piacer sia mai tolto.
E de ciò savio me tegno, non stolto,
per ciò che vizio ciascun da te spazze:
poi de belle vertú chiar’e non guazze
8dentro dal tuo giardin fai gran raccolto.
Ma tu m’hai el cappel si reversato,
però ch’io sono estato alquanto folle
11e de malvagio volere ’mpacciato.
E lo tuo cor, che ’n foco d’Amor bolle,
lo ver parlando, m’ha’n ciò si schiumato,
14ch’io serò sempre duro e non mai molle.
Ma pur, se andar cherendo me fai l’ésca,
lo blasmo è tuo, s’io fo quel, che te ’ncresca.

IV

TENZONE TRA CIONE E NERI MOSCOLI


I — CIONE
Narra una certa avventura occorsagli in Ascoli Piceno.

Da po’ch’io foi ne la cittá del Tronto,
amico Nere, io fe’ del catelano
falsetto estretto, fei de butarano
4piattine genovese tutte a pònto.