Pagina:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. II, 1920 – BEIC 1928827.djvu/27

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

xxiii - tenzoni di rimatori perugini 21

Donna liggiadra, per lo cu’ amor scalmo
si mia persona, ch’io dicer non sappo;
e vesti cotal donna novo drappo;
8 dimora al monte lá, u’ vo ispesso calmo.
Ed hammi d’allegrezza si ’l cor raso,
ch’ira e melenconia porto in gozzo
11 quand’io non veggio el monte de Parnaso.
Ed ogne mal mi dá ’ncontro di cozzo;
ma sempre Amor ver’me destende el passo,
14 ond’i ’ annegar vorrebbe entro’n un lozzo.

VII

TENZONE
TRA GILIO LELLI, TREBALDINO MANFREDINl
E SER CECCO NUCCOLI


I — GILIO
Invita Trebaldino a ricambiar l’amore di ser Cecco.

O tu, che l’amorosa fiamma prove,
la qual nel tuo bel dir si manifesta,
coni’è che tu non hai la voglia presta,
4ed a servire Amor non ti retrove?
Ché chi dal dir l’efTetto suo rimove,
non sente amor, ma vanitá di testa;
e vói’che sappi ch’è maggiore inchèsta,
8che quella, dove Artús fe’ cose nove.
Tu credi ad un, che ti pasce di vento,
ché non può aver per sé pur de lo scoglio;
11e lasce quel, che ti può far contento.
Ma tu vuol’esser un tuo cirafoglio,
dicendo poi ch’avesse el gioco vènto?
14Questo mi tolgo e de me’ non ti voglio.
Se tu noi fai, ten puoi lavar le mano.
Che vai tu piú cercando? Si dico, ecco:
io servo te, se tu serve ser Cecco.