Pagina:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. II, 1920 – BEIC 1928827.djvu/30

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
24 xxiii - tenzoni di rimatori perugini


2 — SER CECCO
Dal limbo non si va in luogo di perfezione; e poi, Cucco è mcor troppo legato
alle cose mondane...

Tu se’ nel loco, se ben ti rimire,
che gloria o ben per te mai non traluce;
né mai lá giú non scende el sommo duce,
4poi ch’Abraám ne trasse e gli altre sire.
Ma, se tu ere’ rinascere e morire,
cotest’è un van pensier, che sempre’nduce;
né mai a perfezion nessun s’adduce,
8a uscir di fuor, ma avran doppie sospire.
Ma ei par ch’en tua matèra net mondo ardi
l’alma col cor sol per l’altrui bellezza,
11rubato pur dagli amorosi dardi.
Ma, se mi crede, usa maggiur larghezza,
poi coteste novelle son pur vere;
14proverbio antico: — Iddio si fé’ li sere.
Non piacquer mai sonette a tai persone;
ma, s’ei t’accoste, donai del bolgione.

3 — CUCCO
Conferma le sue speranze di lasciar il limbo, e rimprovera l’amico
perché è uscito fuor del’argomento.

Io so’ en la mia oppinion piú fermo,
ser Cecco, ch’en la tua non ragionaste,
però che di speranza mi privaste,
4come s’io fusse mortalmente infermo.
Ma in veritá ti dico e si t’affermo
ch’en quilla parte, dove ini trovaste,
scise el verace lume, che rimast’è,
8e feri ’l cor, che non glie valse schermo.