Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/102

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
96 lirici marinisti

IV

LA CHIOMA ROSSA

     Tutta amor, tutta scherzo e tutta gioco,
il suo vermiglio crin Lidia sciogliea,
e un diluvio di fiamme a poco a poco
sovra l’anima mia piover parea.
     E con ragion, s’io dal mio cor traea
mille caldi sospir languido e fioco,
succeder finalmente un dí devea
a vento di sospir pioggia di foco.
     Certo costei nel tuo bel regno, Amore,
scioglie, quasi cometa, il crine ardente,
per minacciar la morte a piú d’un core;
     o pur, per gareggiar col Sol lucente,
tinge la chioma sua di quel colore,
di cui la tinge il Sol ne l’orïente.

V

I CAPELLI PENDENTI SUGLI OCCHI

     Cari lacci de l’alme aurati e belli,
ch’a ciocca a ciocca in su la fronte errate,
e lascivi e sottili e serpentelli
con solchi d’òr le vive nevi arate;
     oh quanto, oh quanto ben lievi scherzate
su due stelle d’amor torti in anelli,
e di voi stessi ad or ad or sembrate
preziosi formar ricchi flagelli!
     Ecco, vostra mercé, non piú sospiro,
ché, se gran tempo io sospirai d’amore,
quanto giá sospirai, tanto respiro.
     Meco fa tregua il mio mortal dolore,
poi ch’a vendetta mia sferzar vi miro
quegli occhi bei che m’han piagato il core.