Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/103

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

giovan leone sempronio 97

VI

LA DONNA DI ALTA STATURA

     Mentr’io teco tentava, idol diletto,
paragon di grandezza, altero amante,
provai com’ad Encelado è disdetto
giungere al ciel, bench’egli sia gigante.
     Ma nell’eccesso tuo fosti mancante,
e nel mio mancamento io fui perfetto:
tu picciola a l’amor, grande al sembiante,
ed io basso al sembiante, alto a l’affetto.
     Ben fui, nol niego, e temerario e stolto;
ma se non mi partii contento a pieno,
non fummi ogni piacer negato e tolto.
     Giunsi a baciare, idolo mio terreno,
se non gli amati fior del tuo bel volto,
i dolci frutti almen del tuo bel seno.

VII

LA MAESTRA DELLE FANCIULLE

     Stuol di varie fanciulle in giro accolte
davanti a la mia Clori un dí sedea,
ed ella molte in tesser tele e molte
in far trapunti ad instruir prendea.
     Lá, de le fila a l’arcolaio avvolte
un bianco e picciol globo altra facea;
qua, con le sete or annodate or sciolte
preziose orditure altra tessea.
     — O tènere — diss’io — vaghe donzelle,
ch’or questi ite annodando or quei lavori,
ch’ite pungendo or queste tele or quelle;
     guardate ancor non imparar da Clori,
nemiche di pietá, d’amor rubelle,
a punger l’alme, ad annodare i cori.