Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/153

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

scipione errico 147

mentre non può mio suon poggiar cotanto
che narri i preggi tuoi, che muto onoro.
Solo umil sotto te star io m’appago,
come l’aquila tua sta sotto il drago.