Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/212

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
206 lirici marinisti

PIETRO PAOLO BISSARI


BACIANDO

     Bindo, che fai? se non mi baci, io moro.
Ecco aperte le labbra, il seno ignudo;
bacia, baciami pur, sí, bacia: ah, crudo
troppo grave è il desio, lieve il ristoro!
     Altro ci vuol che baci al mio martoro:
ahi, che mentre baciando il cor deludo,
di sdegno io son, tu di pietá sei nudo,
ché mi lasci morire e pur t’adoro.
     Baci, ma son tuoi baci e dolci e rei;
mira s’omai piagato il cor ne fu,
che di tua feritá sparge i trofei.
     Eccomi morta alfin; ma che fai tu?
Deh, che tardo soccorri ai dolor miei!
Lascia, ferma, cor mio; non voglio piú.