Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/229

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

girolamo fontanella 223

IV

INVIANDO UN PAPPAGALLO

     Questo de l’indo ciel pomposo augello,
peregrino volante, alato mostro,
che discepolo apprese, accorto e bello,
distinto il suon de l’idioma nostro;
     mira com’ha leggiadro il curvo rostro,
come liscia la piuma e terso il vello;
ha manto di smeraldo e bocca d’ostro,
che ridice talor quanto io favello.
     In cosí vaga prigionia raccolto,
miralo com’è vago e come arguto,
come a la tua beltá si sta rivolto.
     Ma temo, oimè, ch’in tuo poter venuto,
stupido a lo splendor del tuo bel volto,
ove garrulo fu, non torni muto.

V

IL SALASSO

     Prèse medica man serico laccio,
ove inferma languia la bella Irena,
e quel molle annodò candido braccio,
che nel regno d’Amor l’alme incatena.
     Per toglier de la febre il grave impaccio,
destro ferio la delicata vena,
che, da ferro sottil percossa a pena,
il rubino spiccò dal vivo ghiaccio.
     Al zampillar di quel sorgente rivo
mancò la bella, e dolce, a poco a poco,
tinse un bianco pallor l’ostro nativo.
     Ratto l’anima mia corse in quel loco,
per tòr la sete in quel zampillo vivo;
ma l’onda ritrovò ch’era di foco.