Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/237

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

girolamo fontanella 231

XX

IL BEATO GIOVANNI DI DIO

     Angoscioso, anelante, in rozzo letto
su l’estrema agonia Giovanni accolto,
sostenendo la croce in mezzo al petto,
sta con gli occhi e con l’alma in Dio rivolto.
     E mentre fuor dal tramortito aspetto
piove il freddo sudor, da morte sciolto,
trova Maria, che con amico affetto
li sostiene la fronte e asciuga il volto.
     Soave è di sua morte e dolce l’ora,
trovando lei, che con pietoso zelo
il suo dolce sudor terge e ristora.
     Ma se Maria l’accoglie in s+ bel velo,
meraviglia non è; ch’essendo aurora,
vuol con queste rogiade andar nel cielo.

XXI

IL SANGUE DI SAN GENNARO

     Vedo che sciolto ogni rigor tenace
sei de la parca a trïonfar bastante
e, qual fervido umor bolle in fornace,
presso il foco divin bolli spumante.
     Vedo ch’acceso ed agitato amante,
salti per allegrezza, almo e vivace;
che, placando di Dio l’ira tonante,
con la porpora tua n’impetri pace.
     Vedo ch’hai d’ammorzar valore eterno
quanto il Vesevo per l’arsiccia fronte
vomita fuor dal tempestoso Averno.
     E tante hai tu dal ciel grazie congionte,
ch’atto saresti a superar l’inferno,
non che bastante a trïonfar d’un monte.