Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/24

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
18 lirici marinisti

XX

IL GIUSTO MEZZO

     Se con lunga fierezza
i fidi amanti scaccia,
la pregata bellezza
uccide in quei la speme e i cuori slaccia.
E s’ella ai primi preghi
avvien, senza contesa,
ch’addolcita si pieghi,
fa in breve intepidir la voglia accesa.
Dunque, s’usi in amore
né troppa crudeltá né troppa grazia,
perché l’una dispera e l’altra sazia.

XXI

GRADAZIONE CRESCENTE DI FELICITÀ

     Felice chi ti vede!
Piú felice a cui è dato di parlarti!
Felicissimo quel che può toccarti!
Semidio chi ti bacia il bel sembiante!
Dio chi ti fa il restante!