Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/290

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
284 lirici marinisti

BERNARDO MORANDO


I

INVOCAZIONE DEL BACIO

     O coralli animati, o vive rose,
caldi rubini e porpore spiranti,
de l’orto de le Grazie usci fragranti,
de l’amoroso ciel porte odorose;
     o del diletto uman mète gioiose,
de l’erario d’Amore arche gemmanti,
o soavi prigion d’anime amanti,
o fonti del piacer, labra amorose;
     s’in voi l’anima mia gli spirti suoi
raccoglie mai, qual fia di me piú pago?
qual fia ch’altro piacer piú brami io poi?
     Di men puri diletti altri sia vago;
io piú non chero, o dolci labra, e in voi,
quasi in mio centro, ogni desire appago.