Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/315

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

pietro michiele 309

IV

A UN’ATTRICE che rappresenta la peccatrice convertita.

     In preda giá de’ piú lascivi amori,
a cui con piacer vano il mondo invita,
la peccatrice in su l’etá fiorita
s’ornò di gemme e profumò d’odori.
     Poi de’ commessi suoi vulgari errori
passò tra i boschi a sospirar romita
e, mentre apriva a sospirar l’uscita,
aprian per lei del ciel gli angeli i cori.
     Tu, mentre in finta scena il mondo insano
segui, poi sprezzi e tra i celesti giri
spieghi lodi canore al re sovrano;
     prima tra molli vezzi ogn’alma aggiri,
poi teco al ciel da questo fango umano
per la traccia sen va de’ tuoi sospiri.

V

IN MORTE DI LOPE DE VEGA

     A la gelida tomba ov’è sepolto
l’esperio Vega e de l’Esperia il vanto,
cinte le muse di funebre ammanto
mostran lacero il sen, pallido il volto;
     e, ’l cor giá tutto in lagrime disciolto,
gli fan correr intorno un rio di pianto,
e con pietosa man spárgonli a canto
dei fior di Pindo un ricco nembo e folto.
     E mentre in duro suon geme e sospira
lo sconsolato coro, egra e dolente
chi spezza la sampogna e chi la lira.
     A sí mesto spettacolo presente
romper anch’egli Amor l’arco si mira,
e nel pianto ammorzar la face ardente.