Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/336

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
330 lirici marinisti

IV

IN MORTE DI GIAMBATTISTA SORDONI

ucciso mentre assoldava genti per Levante

     Morto è il Sordoni. Invida man recise
con la vita di lui l’impiego degno,
ch’a la Donna del mar, di fede in pegno,
cominciava a prestar mentre l’uccise.
     Ma che? morto ei non è, se ben divise
l’anima giá dal suo mortal sostegno;
ché l’opre de la mano e de l’ingegno
vivono immortalmente in mille guise.
     Corcira il dica, il dica Creta e ’l Tronto,
che ben spesso portò forse piú d’una
spoglia nemica al mar rapido e pronto.
     Oh, s’arrideva a lui destra fortuna,
fiaccato un giorno avrebbe in Ellesponto
le corna audaci a l’ottomana luna!

V

SERENATA

Buona notte, cor mio.
Tu forse in grembo a morbidette piume
sciogli le membra in dilettoso oblio;
ed io qui, lasso, in lacrimoso fiume
stemprato il cor e l’anima t’invio.
 Buona notte, cor mio.

Buona notte, cor mio.
Tu dormi sí, ma ’l tuo fedel non dorme,
o se pur dona il faretrato dio