Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/352

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
346 lirici marinisti

XII

DURANTE LA RIVOLUZIONE DI NAPOLI DEL 1647

     Ai nostri danni è scatenata Aletto
e della guerra in man porta la face;
schiera imbelle e plebea fatta è pugnace,
il prode e ’l forte è di fuggir costretto.
     Religïon, pietá non han ricetto
nello stuol troppo fiero e troppo audace:
— Armi, armi — grida, e timida la pace
non ha piú sangue in fibra e fibra in petto.
     Ecco falso l’amor, la fede infida;
terminan l’accoglienze in tradimenti,
l’amicizia è sacrilega, omicida.
     Sovente avvien che nelle furie ardenti
il figlio il padre, il padre il figlio uccida.
Oh novo inferno d’anime languenti!

XIII

A DON GIOVANNI D’AUSTRIA

invocando l’arrivo di lui a Napoli

     Seconda il volo degli ispani abeti,
o rege dell’eoliche foreste;
vadano altrove a scaricar tempeste
gli orgogliosi aquilon, gli euri inquieti.
     D’april fiorito ai dí sereni e lieti
non siano piú l’atre procelle infeste;
d’Austria all’eroe faccian carole e feste
con le nereidi la cerulea Teti.
     Al lito di Partenope le schiere
giungan del Beti glorïose e forti,
a incatenar Tesifoni e Megere.
     Ché mal possono piú nostre coorti,
benché di posse intrepide e guerrere,
cibare i vivi e sepellire i morti.