Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/466

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
460 lirici marinisti

GIACOMO LUBRANO


I

IL SONNO

     Antipode del senno, oppio de’ sensi,
benché di mezzo l’essere ci privi
ed a dazio di morte astringa i vivi,
esige il sonno volontari censi.
     Rende cimmeria l’alma, e ciò che pensi,
sposando a lazie muse i plettri argivi,
larva è di sogni or mesti ed or festivi,
delirio di vapori or radi or densi.
     Di piacevole oblio vesta l’orrore,
di sibarite rose il letto impiumi;
sepolcro è pur de l’uom che a tempo more.
     Torbido il viso e ’l sen d’umidi fumi,
per non farsi veder che ruba l’ore,
adulato ladron ci chiude i lumi.