Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/467

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

giacomo lubrano 461

II

LA TORPEDINE

     Di lubrici letarghi oppio squamoso
e di sincopi vive estro guizzante,
che, vil parto del mar, spira anelante
gelide epilepsie di verno ondoso;
     funambolo velen per gli ami ascoso
corre ad assiderar la man tremante,
e può render col tocco in un istante
intormentito Marte, Ercol pauroso.
     Or va’, fidati al braccio; offendi irato
chi par vòto di forze, inerme al guardo,
ché sentirai mancarti il moto e ’l fiato.
     Non è men forte il mal, benché infingardo;
le torpedini sue ha pure il fato;
ove le temi men, covano il dardo.

III

I CEDRI FANTASTICI

negli orti reggitani

     Rustiche frenesie, sogni fioriti,
deliri vegetabili odorosi,
capricci de’ giardin, Protei frondosi,
e d’ameno furor cedri impazziti,
     quasi piante di Cadmo armano arditi
a l’autunno guerrier tornei selvosi,
o, di Pomona adulteri giocosi,
fan nascere nel suol mostri mentiti.
     Vedi zampe di tigri e ceffi d’orso
e chimere di serpi, e, se l’addenti,
quasi ne temi il tocco e fuggi il morso.
     Altri in larve di lemuri frementi
arruffano di corna orrido il dorso,
e fan cibo e diletto anco i spaventi.