Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/474

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
468 lirici marinisti

trofei d’empie vittorie:
saettaranno i cieli
l’odïose memorie
di pompe sí crudeli,
ché potenza rapita
efimera del fasto ha poca vita.
     Spesso nube orgogliosa
con parelio mentito
ruba dal Sol tradito
di sinonimo onore ombra vistosa.
Ma quel ch’agli occhi parve
riflesso di splendori,
fu ludibrio di larve,
maschera di vapori:
in un breve momento
le porpore non sue disperge il vento.