Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/525

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

andrea perrucci 519

voglia del mio voler tormentatrice,
ansietá infelice,
spia de’ segreti, esploratrice audace,
alfin ritroverai ciò che ti spiace.
     Ferma l’icario volo;
Argo è di luci il ciel, talpa tu sei.
Per osservar nel polo
gli abissi degli dèi
piú svelati e piú chiari invano impetri
tersi veli di vetri;
cozzar col lume invan, occhio, presumi,
benché scudi di gel t’armino i lumi.
     Sovra i cerulei giri,
o che, pesci del ciel, guizzin le stelle,
o in piani di zaffiri
sian nodi; a me procelle
sempre presagiranno astri guizzanti;
le sventure costanti
ne le fisse averò; contrarie sempre,
non d’òr, gli astri han per me ferree le tempre.
     Stanchino i Tolomei
sfere, astrolabi, tavole e figure;
leggano i Galilei
chiare le mie sventure;
senza che me ’l predicano i Cononi,
i Firmici, i Ticoni,
teorica che lor studian sugli astri,
pratticata ved’io ne’ miei disastri.
     Con la diva di Delo
l’oroscopo contende il dio cretese;
al mio natale in cielo
stanno i numi in contese;
esser ricusan forse astri adirati
signori a’ sventurati;
guarda di trin Saturno la Fortuna,
retrogrado è l’Eleo, cade la Luna.