Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/527

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

andrea perrucci 521

Ve’ la sostanza in Cristo traformarsi,
senza l’annichilarsi,
e mentre gli accidenti agli occhi appresta,
forma sostanziai di pan non resta.
     Sofisticar chi vuole
come accidenti stian senza soggetto?
de le sacre parole
in istante l’effetto?
Come è de l’alma il natural ridutto
in parte ancora tutto,
tutto è nel tutto, e con mirabil arte
tutta la quantitá sta in ogni parte.
     Pensiero, ove t’interni?
Tanto secreto occhio mortal non vede;
per tanti arcani eterni
telescopio è la fede.
Tu questo Sol ch’il tuo natale onora,
entro la sfera adora;
e se adori splendor che non comprendi,
quali sian de la fé gli arcani apprendi.

fine.