Pagina:Abramo Lincoln.djvu/64

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
62 Antonio Agresti

soldati del Sud si confondevano insieme e seguivano la grande bara divenuta il simbolo della riconquistata unità della patria.

Oh! non più allora per un grande morto suonavano a festa le campane delle chiese del Sud! Ma il pianto dei cittadini si unì all’inno del poeta e le parole di Walt Whitmann dissero il disperato cordoglio di tutta la Nazione!


Oh! Capitano, mio Capitano, il tremendo viaggio è compiuto,
La nostra nave ha rotto tutte le tempeste: abbiamo conseguito il premio desiderato.

Il porto è prossimo; odo le campane, il popolo tutto esulta.
Mentre gli occhi seguono la salda carena,
La nave severa ed ardita.

Ma o cuore, cuore, cuore,
O stillanti gocce rosse
Dove sul ponte giace il mio Capitano.
Caduto freddo e morto.

O Capitano, mio Capitano, levati e ascolta le campane.
Levati, per te la bandiera sventola, squilla per te la tromba;
Per te mazzi e corone e nastri; per te le sponde si affollano;
Te acclamano le folle ondeggianti, volgendo i cupidi volti.