Pagina:Aganoor - Leggenda eterna, Torino, Roux, 1903.djvu/266

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
244 Risveglio


Nelle notti d’April, sparse le belle
trecce sul peplo candido, il profondo
sguardo rivolto alle tacenti stelle,
         passar la vede il mondo.


*



O voi, che i vostri palpiti e i tormenti
vostri, e l’ebbrezza dei segreti amori,
nell’impeto febeo gettate ai venti
         come un pugno di fiori;

ben la vedeste, o giovani poeti,
bene udiste la Dea dirvi: — «La terra
altri amori, altre angosce, altri segreti
         dei vostri, in grembo serra!