Pagina:Albertazzi - Il diavolo nell'ampolla, 1918.djvu/189

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Il diavolo nell'ampolla 181


godeva perchè, conosciuto che era uno spirito, egli pensava d’aver in sua balia una forza da trarne inestimabile partito. E rideva; e mentre contemplava l’ampolla e la luce che sfavillava dall’acqua attraverso il vetro, sentì schiarirsi la mente come non mai; scorse piana e agevole, di súbito, la maniera per risolvere l’ingarbugliato affare che l’aveva tenuto tanto in pensiero.

E da quel giorno non perdè più nessuna causa. Conquise tutti i giudici, superò tutti gli avvocati di Burgfarrubach; e naturalmente non rimosse più di là lo strumento della sua fortuna: attese a convertire in belle monete d’oro i cavilli, gl’inganni e le cabale della legge.

Nè è da credere che il diavoletto, pur aspettando il dì della liberazione, si trovasse troppo male al fresco dentro la boccia, se gli prestava occasione continua di vederne e udirne delle belle.

Ma degli avvocati non c’è mai da fidarsi. Quello di Burgfarrubach diventò vecchio; e un giorno si imbattè nel priore di certi frati, i quali avevano il convento su un monte lontano dalla città. Ed essendo salutato dal monaco col sorriso di chi ha la coscienza in pace, egli rispose con mal piglio: — Va al diavolo!

Ma appena fu a casa l’insolente si ricordò