Pagina:Albertazzi - Il diavolo nell'ampolla, 1918.djvu/190

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
182 il diavolo nell'ampolla


dell’incontro; gli si rimescolò e agghiacciò il sangue nelle vene. Per consolarsi tolse dalla cassa un sacchetto pieno di monete. Ahimè! a vederle pensò che con l’oro si posson far molte e belle cose, non una: vincere la morte. Ond’ebbe paura di morire; ebbe il dubbio d’andar lui, invece del frate, a sgambettare tra le grinfe del diavolo sovrano di tutti i diavoli; e con un febbrone addosso si mise a letto.

Vi penò, peggio che se fosse stato all’inferno, fino a che non si risolse a mandare per quel tal monaco e fino a che non l’ebbe al capezzale, in confessione.

Inutile dire come questa fu lunga e scrupolosa; basti sapere che all’ultimo il peccatore disse: — Padre reverendo: in salvezza dell’anima mia lascio al vostro convento il frutto di tutti i miei guadagni, leciti e illeciti. A un patto....

— Quale patto? — chiese il frate.

— Che vi incarichiate voi dell’ampolla, là, sullo scrittoio. C’è dentro....

— Che cosa? — dimandò il frate.

— Il più reo spirito che mai abbia infestato Bursffarrubach.