Pagina:Albertazzi - Top, 1922.djvu/132

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
130 Adolfo Albertazzi


ciò che aveva imparato dai compagni a scuola, o s’inventava lui. Fin sapeva, Lucilio, perchè dalla «spina» del circo, la quale vi era la parte mediana ove sorgeva l’obelisco, erano stale tolte le statue della dea Tutelina e di Cibele assisa sul leone.

— Perchè? — Valentino chiedeva riflettendo dai begli occhi chiari meraviglie sempre piii improvvise e strane al suo pensiero.

— Perchè — rispondeva Lucilio — l’imperatore ha voluto il battesimo; è cristiano anche lui, come noi.

— E perchè Tutelina e Cibele non erano cristiane come noi?

E perchè questo? perchè quest’altro?

Il padre godeva a udirli cinguettare così. Ma quando Lucilio, il più grande, fu stanco di rispondere ciò che non sapeva e ciò che sapeva, tornò a insistere col padre che gli dicesse per chi parteggiava, per chi scommetterebbe.

— Io sto per i «rossi» — preveniva Valentino. — Me l’ha detto la mamma che vincerà Libanio.

— Libanio, è prasino, non rossato! — esclamò con sufficienza Lucilio. E soggiunse:

— Io credo che vinceranno gli azzurri. E tu, padre? Scommetti per loro! Se sapessi che cavalli hanno! Venuti d’Asia!

— No — ribatteva Valentino —, scommetti per il rosso, che è il colore più bello!