Pagina:Albertazzi - Top, 1922.djvu/158

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
156 Adolfo Albertazzi


come si era immaginato Michele. — Cugino? Allocchi che siete! È l’amante! l’amante dell’arca di virtù! E il tuo caro amico...

Il marito non la lasciò correre. Trovò necessario interromperla:

— Non può essere! Il capitano da sette anni manca dall’Italia. Non si fermerà qui che otto giorni... Dunque...

— Eh! si fermerà di più! — ribattè la Cloe. — Di più! di più! Quindici giorni ci resterà; un mese!... Vedrai! Se pure l’arca non scapperà prima con lui...

Quale perfidia! Per evitare il litigio Bragozzi s’affrettava a riferire: che il capitano di lungo corso aveva tre mogli; così e così.

— E la quarta in Italia!: illegittima, questa, e infedele, perchè è la moglie del tuo amicone. Oh cari!

Il litigio non fu evitato; e nel misero Michele lasciò la consueta amarezza, il profondo rammarico di chi si sente immutabile sotto una maligna stella. Per sua tribolazione era arrivato a Bologna adesso anche il cugino di lungo corso!

Infatti il giorno dopo ecco Varni sorridente, apparentemente beato a scaricar le geste del capitano.

— Ah che caro giovine! che compagnia!

E qui una massa di fandonie. Bragozzi sorrideva, per compiacere un po’ l’amico che rideva;