Pagina:Albertazzi - Top, 1922.djvu/200

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
198 Adolfo Albertazzi


n’ebbi tal pena che, non interrogato, confermai in fretta.

— Sì sì: è vero!

Allora lui rise. Disse, come a darmi subito ragione del suo stupore enorme:

— Oh dunque non lo sapete, voi, che Tito è fratello della Gisa?

E riprendemmo la via.

— Povero Tito! — aggiunse Zvanòn dopo un tratto — . Deve tornar soldato, fra poco. Non verrà più a giuocare alle bocce con noi.

Eravamo al sommo della costa; oramai a casa.

E io dubitavo ancora; temevo che Zvanòn mi conducesse dalla mamma. Ma un’altra idea mi soccorse.

— E le boccine di terra creta quando me le fai? Fammele, Zvanòn!

Tacque. Poi rispose:

— Adesso adesso... Io lego i fasci di sterpaglia. Voi intanto ammolirete la terra creta, e dopo faremo la fornacetta da cuocer le palline.

Così io ottenni ch’egli dimenticasse d’accusarmi, ed egli dovè sperare che non parlerei a nessuno di Tito e della Gisa, e di quel che avevo visto.

***

Otto o nove mesi dopo, a Bologna, al pomeriggio di un giorno invernale, una scampanellata mi fece correre prima della domestica ad aprir l’uscio.