Pagina:Albertazzi - Top, 1922.djvu/229

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Buona gente 227


Ma il latte, deglutito a pena, non rimase in quello stomaco, tanto era debole. E allora la signora Tecla riempì la mente del marito con comonissioni successive, di cui, nella sua intenzione, una sostituiva l’altra e che il signor Giulione credè invece fossero da adempier tutte quante.

— Va alla farmacia a prendere un cordiale. — (Il grosso uomo s’incamminò). — Va a chiamare il medico all’ambulatorio. — (Due passi). — Va in Municipio a dir che vengano i pompieri con la lettiga. — (Due passi). — Va all’Ospedal Maggiore: caso d’urgenza. Di’ così: caso d’urgenza. — (Partì di trotto).

Poi la signora Tecla, indossata la mantella, scese per consiglio all’osteria di fronte: un basso fondo.

L’ostessa esclamò: — Latte freddo gli ha messo in gola? Brodo caldo vuol essere!

Súbito attinse alla pentola, che borbottava al fuoco, e con una scodella del liquido fumante seguì l’amica. Intanto la serva annunciava a chi passava:

— Sapete? Al dormitorio c’è uno che muore di fame. Proprio moribondo!

La voce si sparse in un attimo per la contrada.

E la carbonaia — la famosa manutengola detta la Strazzarola — accorse con una tazza di caffè; e la fruttivendola guercia recava un ovo fresco. Anche, dal postribolo, in vestaglia di lana rossa, uno scialle bianco su le spalle, i capelli