Pagina:Albertazzi - Top, 1922.djvu/228

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
226 Adolfo Albertazzi


piccola, cinque soldi, per i frequentatori non forniti di paga costante o guadagno sicuro.

E il signor Giulione e la signora Tecla, proprietari e ministri dell’azienda, non facevan credito a nessuno.

Così, quando nell’avanzar dell’inverno gli mancasse o tardasse il soccorso della figlia, il vecchio Granari poteva trovarsi a questo dilemma: o morir d’inedia o morir di freddo. Poteva anche, però, morir d’inedia e di freddo contemporaneamente.

E una mattina, a gennaio, il signor Giulione e la signora Tecla entrando nella stamberga per la pulizia — e che pulizia! — ebbero una sorpresa: s’accorsero di una trasgressione al regolamento non avvertita la mattina prima d’andar a riposare. L’ultimo letto di destra era ancor occupato.

Scossero quel corpo inerte nella buca del pagliericcio.

— È morto? — il marito dimandò confuso.

— No — rispose la moglie. — Va a prendere l’aceto.

Per l’aceto il giacente rinvenne; cercò con lo sguardo, senza riconoscere dove fosse. Pronunciò qualche parola.

— Muoio - di - fame.

— Corri! Dammi il latte che m’è rimasto nella teglia — ordinò, ansiosa adesso, la signora Tecla.