Pagina:Albertazzi - Top, 1922.djvu/270

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
268 Adolfo Albertazzi

economico, differenze di classi, ambiente sociale.

Tutto ciò fu mutato. Ebbene, voi avete visto, di questi giorni, se la generosa magnanima Re-So-Eu bastò a render pago il genere umano! No. E perchè no? Perchè gli uomini hanno il male, il nemico, non fuori di se ma in sè stessi. Le espressioni che corrono su la bocca di tutti: «bisognerebbe mutar la testa alla gente», «colui, colei non ha la testa a posto», non dimostran forse l’intuizione volgare e secolare di fenomeni morbosi dei quali sino ad ora la psicologia e la patologia non han conosciute le cause?: non accertano che spesso nel coroo umano c’è un disquilibrio organico, una discordia funzionale tra le membra o le viscere e il cervello; un contrasto fra le attività pazienti e riflesse e la facoltà acuente e promovente, che è anche l’attività pensante? Sì, fratelli miei! Per ridar il benessere fisico e psichico a chi l’ha perduto, e quindi per ridar la quiete alla società, è proprio necessario sostituir le teste a corpi cui meglio convengano; mettere, cioè, davvero le teste a posto!

L’assemblea governativa approvava. Ciascuno del Direttorio pensava non ai mali della società fraterna ma ai malanni del suo proprio corpo e alla possibilità di rimediarvi così radicalmente.

— Con fortunato tentativo — seguitò il dottore — e con coscienza tranquilla ho colto l’occasione per un nuovo esperimento. L’operazione è riuscita a meraviglia. E considerate che io avevo