Pagina:Albertazzi - Top, 1922.djvu/40

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
38 Adolfo Albertazzi


delle più liete creature del mondo? Era una vittoria su la natura, la quale ai volatili volle dar mezzo di sfuggire alla cupidigia umana, ed è tuttavia la soddisfazione di un’istintiva, atavica invidia per quelle creature così liete a credersi inaffenabili: tanta soddisfazione, tal gioia da rendere ingenua e inconsapevole la crudeltà.

— Con un archetto — diceva Mario — si prendon le buferle.

Ora i fratelli sedevano all’ombra insieme, pacificati e invogliati di caccia da un branco di cardellini che calando dalle fronde di sopra a loro eran venuti a bere e a bagnarsi.

— Sono men furbe dei cardellini le buferle — diceva Aldo.

— E se ci restan, nella corda, non scappan più. Vedrai!

Ma costruire un archetto non era agevole come legare un fascio di stipa.

Mario piegò ad arco un ramoscello e lo tese per bene con uno spago doppio a scorsoio. Se non che non sapeva ancora la giusta distanza dei nodi, nè trattener l’uno col piòlo, che, quando la vittima capiterebbe su la corda, cadrebbe, e l’arco scatterebbe serrando e stringendo le povere gambe fra l’altro nodo e la cocca. Uno spasimo atroce.

— Fa presto! — - Aldo sollecitava, ansioso del giuoco. — Dove ce n’è, delle buferle, adesso?

— Nell’acaciaia del Palazzaccio.