Pagina:Albertazzi - Top, 1922.djvu/53

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
A Sant'Elpidio 51

A SANT’ELPIDIO

— Ed Elena Baschi, così intelligente, così bella?

— Sempre lassù, tra i monti, a Sant’Elpidio, dove andò maestra la prima volta.

— Maritata?

— Nemmeno.

***

La prima volta che Elena Baschi andò a Sant’Elpidio fu in un nuvoloso pomeriggio, al finire di settembre.

Lungo, interminabile il viaggio. La strada procedeva a salite e discese tra siepi alte, al di là delle quali non si scorgevano, a quando a quando, che i soliti campi alberati e arati, deserti; e per le frequenti svolte anche la vista, dinanzi, veniva spesso impedita.

Gravavano tedio e silenzio. E se la siepe diradava o cessavano i filari degli olmi, appariva, a sinistra, la costa montana, che nebbiosa, senza cime, escludeva l’orizzonte con limite uguale e dava pur essa il senso di una solitudine lunga.