Pagina:Albertazzi - Top, 1922.djvu/52

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
50 Adolfo Albertazzi


voce; e qui, davanti alla bottega il cavallo, Baio, mi stramazza. Morto.

A questo punto Cenzo Dimondi non si vergogna a raccogliere due lacrimoni nel fazzoletto. Indi seguita:

— Baio, un cavallo di tanto sentimento, attaccato dal male non sentiva più ne parole, nè frustate, ne bastonate. Ma aveva capito il pericolo: non dico il pericolo di me o di lui: un pericolo spaventoso, quasi di tutti, di tutto il mondo!, e l’aveva capito dalle grida dei miei, dalla romba lontana, dallo squasso vicino, dall’urlo mio. E volle vincere il male che l’inchiodava, a ogni costo. Lo vinse. Ma gli crepò il cuore.

Dopo un’altra pausa Cenzo Dimondi conclude con una dimanda:

— È così o non è così?