Pagina:Albertazzi - Top, 1922.djvu/59

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
A Sant'Elpidio 57


canza di affetti (orfana; sola al mondo) potevano rendere bastevole ragione. Un maggior male le rodeva l’anima: come un più segreto affanno; come un’aspirazione dell’anima spossata, e pur avida d’un bene ignoto e inconoscibile. Oh fuggire! oh rompere ogni catena! oh morire!

Piangeva guardando dalla finestra della sua camera la mirabile prospettiva dei monti e del fiume e della valle verde, che l’autunno circonfondeva di una soavità luminosa e di una luminosa pace. E non comprendeva che il maggior male le veniva appunto di là, dal contrasto fra la vita esterna e la sua intima vita, dal discordo fra la tentazione di quel cielo e di quella terra piena d’anima arcana e la sua piccola anima riflessa nel suo povero pensiero ribelle.

La sosteneva in faccia agli altri l’alterigia. E non comprendeva l’inconsapevole consiglio che a viver bene le dava, nella persona della vecchia, l’umiltà. Al contrario, della consuetudine con la vecchia risentiva un’irritazione, un fastidio sempre più grave e ormai pari all’odio.

Già esente da ogni soggezione, la Filomena, anche quando la maestra era in casa, cantava a squarciagola i canti della sua fanciullezza; e cantava con impetuosa gioia, interrompendosi talora sol per ripetere l’usato grido — Oh... là! —, che i ragazzi le mandavano dalla pendice opposta. A sessant’anni! Ebbra di vita, così!

— Pazza! — mormorava Elena, tormentata.