Pagina:Albertazzi - Top, 1922.djvu/81

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L'ombrello 79

CI VUOL PAZIENZA!

I.

Dopo i saluti, così affettuosi che tolsero subito d’imbarazzo il suocero e la suocera, il colonnello avrebbe voluto salire alla sua camera. Ma prima dovè far la conoscenza della cagnetta, che si era precipitata dalla cuccia per abbaiargli contro, e del gatto che la signora in gran fretta aveva salvato da un prevedibile assalto della nemica raccogliendolo maternamente nelle sue braccia. Ah i fasti della Lillín e di Rossello! Che peccato, però, non andassero d’accordo e i loro litigi sconcordassero talvolta anche la coniugale armonia del signor Astolfo, protettore dell’una, e della signora Amalia, protettrice dell’altro!

Poi ci furon da ammirare i vasi di limoni, l’orto, il giardino. Sette o otto limoni pendevano gialli dai ramoscelli di nuovo in fiore; più in là, una dozzina di riquadri, uguali e grandi poco più di un metro, contenevano i fagiuoli e i pomodori, le cipolle e le patate, l’indivia e la lattuga, le carote e le pistinache: di qua dalla siepe, peri nani