Pagina:Alberti - Della architettura della pittura e della statua, 1782.djvu/226

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
204 della architettura

se, o troppo piccola, se le logge fussino come una siepe troppo alte. Sarà quella altezza de gli edificii intorno al mercato molto comoda, se ella sarà per il terzo de la larghezza del mercato, o niente manco, che per il sesto. Vorrei che le logge si rilevassino con un piano da terra per il quinto de la loro larghezza, et che la loro larghezza fusse quanto è la colonna. Il disegno de colonnati cavisi da quello de le Basiliche: ma in questo il disegno de le cornici, fregio, et architrave insieme vorrei che fusse alto per il quinto de la colonna. Et se sopra il primo piano tu vorrai rizzare un’altro colonnato, queste tali colonne si faranno più sottili et più corte, che quelle di sotto, il quarto; et si metterà loro sotto in scambio di imbasamento uno zoccolo, che sia alto per la metà di quel primo imbasamento di sotto. Ma e’ non è cosa alcuna che adorni più le piazze, et i riscontri de le strade, che gli archi, posti in testa di esse strade. Conciosia che uno arco non è altro che una porta che sta sempre aperta. Io credo certamente, che l’arco fusse trovato da coloro che allargarono i confini de loro Imperii. Conciosia che costoro secondo che dice Tacito, anticamente usavano di allargare il luogo lungo le mura de la Città; il che dicono che fece Claudio; Conciosia che accresciuta la Città giudicavano che fusse bene che si mantenesse la porta vecchia, rispetto a la utilità, si per molte altre cagioni, si forse ancora perche tali porte fussino una sicurtà più a ribattere l’impeto de nemici, che ne dessino la carica; dipoi perche tal muraglia era in luogo celebratissimo, per questo appiccavano quivi le spoglie arrecate de nimici, et le insegne de le havute vittorie. Dipoi si cominciò ad adornare il detto arco, aggiugnendovi Epitaffi, statue, et historie. Commodissimamente collocheremo uno arco dove la via finirà nel mercato, o ne la piazza, et massimo ne la via principalissima, che cosi chiamo io quella via ne la Città, che è la più degna di tutte l’altre; et lo arco non altrimenti che un ponte, harà tre vie, per le quali si possa caminare; quella del mezo servirà per i Soldati, et le due da gli lati serviranno per le Madri, et per i Cittadini, che accompagneranno il triomfante esercito, che se ne torna a reverire insieme con loro i paterni Dii, et che andatigli incontro si rallegreranno con quello, et gli faranno festa. Havendo tu ad edificare uno arco, fa che la linea de la pianta, che va per il lungo de la strada, sia per la metà appunto de la linea che s’attraversa a la strada da destra a sinistra di detto arco, et la lunghezza di questa linea attraverso non sarà mai manco di cinquanta cubiti. Questa sorte di edificio è molto simile a ponti, ma è di quattro pile, et di tre archi, et non di più, de la più corta linea de la pianta, cioè di quella che và per il lungo de la strada, ne sia lasciata la ottava parte di verso il mercato, et altrettanto da lato di dietro, che serviranno per piante sopra le quali si harranno a rizzare le colonne per gli archi: ma quella altra linea più lunga che si attraversa a la strada, si dividerà in otto parti, due de le quali se ne assegneranno al vano di mezo, et una per uno poi a ciascuno pilastro, et a ciascuno vano. Ma i lati di mezo infra pilastri, i quali si murano a piombo per reggere l’arco del mezo insino a la mossa di detto arco, si fanno alti per due di dette parti et un terzo, et la medesima regola terrai ne l’alzare i fianchi da le bande, ne duoi archi de gli lati; percioche e’ si ridurranno a loro spatii con la simile misura. La volta sotto gli andari sarà a meza botte: gli adornamenti, che sono in cima de le pilastrate sotto l’arco, et sotto la meza botte, faccinsi, che immitino il capitello Dorico; ma in cambio di bastone, et di cimasa habbino cornici con i loro aggetti, che eschino fuori con opera Corinthia, o Ionica; et sotto la cornice a guisa di collo habbia un fregio espedito, et sotto questo un bastoncino, et un collarino, come si suol fare ne le teste de le colonne. Tutti questi adornamenti cosi raccolti insieme, saranno per la nona parte di tutta l’altezza de la pilastrata. Questa nona parte si dividerà un’altra volta ancora in nove parti minori, de le quali ne assegnerai cinque a la cornice di sopra, tre al fregio,


et