Pagina:Albini - Le nostre fanciulle.djvu/188

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LE SIGNORINE
E IL LORO SERVIZIO SOCIALE

Nella sala del Gran Consiglio a Berna si riunì il Congresso dell’Alliance Nationale des femmes suisses, sotto la presidenza di Madame Campionier; e la signora Hilficher, che due anni fa aveva esposto la sua idea sui giornali di Zurigo e su Vita Femminile Italiana, presentò una proposta concreta riguardo il servizio sociale che dovrebbero prestare le signorine. Molte, troppe fanciulle della classe agiata, finiti gli studî, passano anni in quello che si chiamò ozio occupato, cioè perdendo il tempo in meticolose e monotone cure per la casa che potrebbero essere sbrigate in un’ora, quando sapessero che nella giornata le attende un lavoro più interessante; oppure sciupando la loro intelligenza in un dilettantismo artistico senza profitto e che non eleva il loro spirito; o

146 Le signorine e il loro servizio sociale