Pagina:Albini - Le nostre fanciulle.djvu/198

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
156 Le meticolose

dal famoso stuoino, in quel mondo che esercita un’influenza sui figlioli e dove essi dovranno trovar simpatie e lavoro?

Per meticolose siffatte, non esiste più altra soddisfazione che di darsi tutte alla passione della pulizia e dell’ordine. Conosco una vecchia signorina, di larga condizione sociale, la quale possiede un quartierino ch’è un amore, messo con buon gusto e con ordine naturalmente incantevole. Il suo piccolo giardino ha aiuole che sembrano dipinte, e vialetti cosparsi di una ghiaia così fine e uguale che vi dà l’impressione che nessuno vi cammini.

Generalmente riceve davanti al suo tavolino da lavoro, ed ecco che discorrendo le sue mani aprono il cassettino ove tutta una sfumatura di rocchetti di seta vi seduce coi suoi bei colori, e vedete uno scomparto di piccole scatoline di celluloide su cui è scritto: osso, madreperla, gancini bianchi, gancini neri, aghi, spilli, e un piccolo battaglione di uncinetti messi in ordine di statura. Un cassetto che desta vera invidia e che vi suggerisce molti buoni proponimenti.

Ma mentre ella parla, le sue mani istintiva-

156 Le meticolose