Pagina:Albini - Le nostre fanciulle.djvu/201

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Le meticolose 159

io dalla gia non ci vollo pu andare a poncio, pecchè ghida sempe».

«Ma che cosa hai fatto, Ninì?»

«Ho lovesciato il ciettino delle calte!»

Rovesciare un cestino di carta straccia!

Ma pensate che quelle carte vengono messe in ordine a pacchetti. Sul fondo i giornali ritagliati a foglietti larghi un palmo... che possono servire a qualche cosa, e vengono legati, non so se a cinquanta o cento per volta, con un cordoncino. Poi un piccolo sacchetto con lettere lacerate a pezzettini minuti, perchè la cuoca curiosa non possa prender conoscenza della sua corrispondenza che è, del resto, molto insignificante. E non potete credere come questi ritagli di lettere vengano buoni per accendere il carbone. Poi ci sono pacchetti di vecchie buste, da cui però sono state accuratamente ritagliati i francobolli per riscattare i piccoli negri.

Torno torno al famoso paniere, esternamente, corre un’altra tasca ove la signorina tiene i cordoncini: divisi secondo i colori e legati come matassine: rossi, greggi, azzurri, tricolori; una cosa ammirevole, non c’è che dire, ma

Le meticolose 159