Pagina:Albini - Le nostre fanciulle.djvu/233

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Le piccole virtù 191

nostra strada.

Guardiamo, guardiamo pure col cannocchiale, anche col telescopio, se volete: è inutile! non vi si scorge neppure l’ombra di una grande virtù; è una strada di pianura, fiancheggiata dai paracarri: piccole virtù, che a volerle saltare s’arrischia di fare un capitombolo.

* * *

Dunque, nessun eroismo. La maggior parte degli uomini e quasi tutte le donne sono destinale alla mediocrità. Orazio la chiama aurea, e non vorremo credere a Orazio?

«Non invidiamo le alte cime de’ pini — egli dice — che sono agitate dal vento; nè le torri eccelse che minano con fragore. Il fulmine colpisce le sommità».

Bisogna dunque tenerci contente della propria strada di pianura e pensare con l’abate Roberti che: «passa la vita di molti senza che una villania gli trafigga, e senza che una calunnia gli travolga nell’infamia. Chi, perciò, aspettasse l’acerbità di tali infortuni per esercitare la sua virtù, aspetterebbe troppo».

Le piccole virtù 191