Pagina:Albini - Le nostre fanciulle.djvu/244

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
202 Le piccole virtù

d’ira, dei pianti irrefrenabili.

Un po’ più tardi sono le opinioni di un fratello, il tono ironico di una sorella, o l’insistenza della mamma a voler correggerci di una cattiva abitudine; sono certe assurde convenienze sociali, o il falso viso di un’amica di casa, o certe idee piccine, certe meschine pusillanimità...

È l’età delle superbe risposte, dei grandiosi ideali.

E sempre più tardi, diventate donne, ma non ancora madri, è l’età dei grandi stupori, dei magnanimi sdegni, delle tristi delusioni.

Come! c’è chi manca al proprio dovere? e c’è chi sorride alle persone oneste come alle disoneste? Oh le festose accoglienze fatte a una persona spregevole, l’impudenza di chi ha sulla coscienza una colpa, certi lusinghieri giudizi della società su persone che nell’intimità non hanno che bassezze e debolezze, le mille ignoranze colpevoli, le mille miserie non soccorse e le mille ingiustizie sociali, come sdegnano, come sdegnano!

Accade a tutti quelli che sentono vivamente, j di non saper sempre trattenersi dall’esprimere!

202 Le piccole virtù