Pagina:Albini - Le nostre fanciulle.djvu/246

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
204 Le piccole virtù


Coi nostri sdegni, coi nostri atti di protesta e di ribellione non possiamo mettere un argine alle debolezze e alle cattiverie del mondo; noi non riusciamo che a non saper sopportare gli altri, non solo, ma a renderci noi stessi insopportabili.

No, no; sarebbe troppo umiliante! Impariamo ad essere calme e serene in mezzo a tutto questo sballottìo di caratteri e di opinioni; davanti a tutte le cecità e le ingiustizie umane, e compiamo noi, tranquille, i nostri doveri, ricordando che «esigere molto e dare poco è il modo di trovarsi male con sè stessi e con gli altri».

La mia mamma scrisse su un mio quadernetto quand’ero bambina: «Quando tu sarai buona, ti accorgerai che tutti sono buoni con te».

204 Le piccole virtù